Categorie
Artrosi e terza età Clinica del mal di schiena Stop al Dolore Uncategorized

Cervicale e Sonno

Benchè possa essere scontato, bisogna innanzitutto precisare che la Cervicale non è una patologia ma è una parte anatomica della nostra colonna vertebrale (corrisponde al collo). 

Ti capita a volte di avere un sonno disturbato ed al mattino di risvegliarti con il collo rigido, con dolori cervicali e magari anche con il mal di testa? Se la risposta è SI, allora questo articolo fa proprio per TE!

Questi sintomi, di cui abbiamo appena parlato, sono comunemente tipici in quei pazienti che soffrono di disturbi del tratto cervicale.

Non è forse vero che parlando con amici e familiari o semplicemente ragionando tra te e te hai dato la colpa al cuscino, al materasso o al fatto che dormi in una brutta posizione? Dai, sicuramente lo hai fatto almeno una volta! Facendo diverse prove ti sei reso conto che nessuno di questi elementi sembra essere la vera causa del tuo continuo dolore cervicale e dei tuoi fastidiosi mal di testa mattutini?

All’interno dell’articolo ti spiegheremo cosa realmente può provocare problemi al risveglio e come fare per poter stare meglio ed avere un sonno ristoratore, abbattendo così una volta per tutte una serie di falsi miti.

Ecco le domande più frequenti che ricevo dai miei pazienti:

  1. Posso decidere in che posizione dormire e mantenerla per tutta la notte? NO, è il copro che chiede la posizione più confortevole
  2. Ho davvero bisogno di un cuscino cervicale e di un materasso ortopedico per dormire bene? DIPENDE. Se ti accorgi che realmente il tuo sintomo è legato a quando appoggi la testa al cuscino o ti sdrai sul materasso, allora SI, altrimenti la soluzione al tuo dolore è da cercare altrove.
  3. Quindi se la posizione, il cuscino e il materasso non c’entrano nulla con il mio problema, perché quando mi sveglio sono sempre rigido e dolente? La motivazione riguarda la presenza di alterazioni o disfunzioni a livello cervicale (ridotta vascolarizzazione e quindi ridotto apporto di nutrienti ed ossigeno)

Quindi, in conclusione, per far star meglio la mia cervicale, cosa devo fare?

Se soffri di questo problema, invece di restare ancorato ai falsi miti del cuscino, del materasso e delle posizioni di riposo, forse è il caso di capire qual è il reale disturbo alla base del tuo dolore e curarlo!

Studio FisioClub offre un team di esperti specializzati nella valutazione della Colonna Vertebrale, quindi anche della Cervicale.

Valutazione Manuale

Il Dr. Inclimona, in assenza di patologie che richiedano la diagnosi medica, si occuperà della Prima Visita in cui andrò a ricercare minuziosamente la Causa del dolore. Verrà stabilito un Percorso di Cura che prevederà 3 fasi:

  1. Riduzione del Dolore e dell’Infiammazione
  2. Aumento del range di Movimento e del Tono Muscolare
  3. Stabilizzazione dei sintomi e miglioramento delle Performance Motorie

Se vuoi saperne di più sul legame tra Cervicalgia e Sonno clicca QUI

Per risolvere VELOCEMENTE e EFFICACEMENTE il tuo problema cervicale non ti resta che chiamare al 388 8965649 !

Categorie
Artrosi e terza età Clinica del mal di schiena Post-Chirurgia Riabilitazione dell'ATM Sport Clinic Stop al Dolore

Mal di Schiena

Il Mal di Schiena è la causa principale che porta ad assenteismo nei posti di lavoro nei paesi industrializzati. L’80% degli adulti soffre almeno una volta nella vita di mal di schiena (lombalgia, dorsalgia, cervicalgia …).

Una causa scatenante, quando non dovuto a traumi o chirurgia, può sicuramente essere la perdita o dall’alterazione delle curve fisiologiche della colonna; il tutto può esser causato da uno stile di vita inadeguato come posture inadatte che vengono mantenute durante l’arco di tutta la giornata. Per esempio, quando stiamo in posizione seduta tendiamo a  perdere la normale curvatura fisiologica della lordosi, questo fa sì che vengano sovraccaricati i dischi vertebrali irritando, di conseguenza, le articolazioni vertebrali ed andando ad indebolire successivamente anche la muscolatura creando i presupposti per l’insorgenza della malattia.

Il mal di schiena, dopo attenta valutazione, può essere classificato in:

  • Lombalgia
  • Lombo-sciatalgia
  • Cervicalgia
  • Dorsalgia

Una delle cause del mal di schiena è la protrusione discale e/o l’ernia lombare.

Il trattamento in base alla sintomatologia ma soprattutto in base al tipo di lesione può essere conservativo o chirurgico. Il trattamento conservativo non ha lo scopo di risolvere l’ernia come patologia, ma gestire ed attenuare i sintomi che riguardano il dolore.

In questo articolo ci occuperemo di quello conservativo.

Lo Studio FisioClub ha sviluppato 3 metodologie specifiche di trattamento (Fisioterapia, Osteopatia, Chiropratica) che prevedono tutte 3 fasi:

  • 1 Fase: Riduzione dell’infiammazione e del Dolore tramite l’utilizzo di terapia strumentale, cauta terapia manuale, mobilizzazione articolare, educazione del paziente al reclutamento della giusta muscolatura
  • 2 Fase: questa è la più lunga ma anche la più importante poiché si andranno a somministrare al paziente sedute per ottenere l’allungamento ed il rinforzo della muscolatura del busto, e di ginnastica posturale, educando il soggetto al mantenimento delle giuste posture durante l’arco della giornata ed in determinati movimenti.
  • 3 Fase: Mira al controllo ed alla prevenzione tramite trattamenti di terapia manuale con frequenza mensile.
manipulation dorsal as alternative medicine

Il fattore principale da eliminare è il dolore perché è un segno di difesa che il nostro corpo ci sta trasmettendo per farci capire che c’è qualcosa che non va, quindi ascoltiamolo e rivolgiamoci al nostro Fisioterapista di fiducia!

Fonte: https://www.fisioterapiaitalia.com/patologie/lombare/mal-di-schiena/

Categorie
Artrosi e terza età Stop al Dolore

ARTROSI – Soluzioni per il DOLORE, Fisioterapia ed Esercizi

L’Artrosi è una malattia degenerativa ed è tra le principali problematiche muscolo-scheletriche a carico delle articolazioni e causa dolore e disabilità cronica arrivando ad intaccare in modo significativamente negativo, sia per i costi sanitari che per la riduzione funzionale delle attività quotidiane, la vita delle persone.

Le articolazioni più colpite sono colonna vertebrale, anca, ginocchio e dita delle mani e dei piedi.

Alcune problematiche che incentivano, in modo negativo, la progressione dell’artrosi sono:

• L’età
• Fattori di tipo meccanico come traumi, fratture o malformazioni.
• Fattori di tipo genetico
• Sovrappeso e obesità

L’esame strumentale che può dare maggiori dettagli è l’RX, ma bisogna sapere che la gravità dell’artrosi che emerge dall’esame strumentale non per forza deve essere necessariamente legato ai sintomi che il paziente ha. Infatti, si potrebbe avere un’artrosi avanzata ma senza sintomi.

Il fisioterapista ed il medico, per avere un’evidenza maggiore, eseguiranno dei semplici test di movimento sul paziente per capire se si tratta o meno di artrosi e valutarne la gravità.

Il fisioterapista esporrà al paziente un piano conservativo basato sull’esercizio terapeutico che inizialmente dovrà essere programmato con almeno 10 sessioni con cadenza di 2 volte a settimana per ottenere un beneficio clinico sufficiente e riuscire ad allontanare, il più possibile, i tempi di un’eventuale chirurgia.

L’esercizio offre lo stesso beneficio degli antinfiammatori (FANS), ma essi possono portare problemi al sistema respiratorio , cardiovascolare e/o gastrico; dopo l’esercizio terapeutico, invece, viene associato solo l’indolenzimento muscolare (DOMS).

In conclusione, si evince che per combattere il fenomeno artrosico l’esercizio terapeutico sembra essere, grazie a studi scientifici, l’ideale. ovviamente dovrà essere svolto con regolarità mantenendo un buon trofismo e forza dei muscoli dell’articolazione interessata e, se si è in sovrappeso, optare per una riduzione del peso poiché migliorerà i sintomi.

Fonte: https://www.fisioterapiaitalia.com/blog/artrosi-soluzioni-dolore-fisioterapia-esercizi

Categorie
Artrosi e terza età Clinica del mal di schiena

Schiena Bloccata dopo uno Sforzo

“Dottore, ho fatto uno sforzo e ora non riesco ad alzarmi dal letto, cosa posso fare?” Questa è la classica chiamata che ricevo una settimana si e una no.

é successo anche a te? Se leggerai fino in fondo a questo articolo ti spiegherò Perchè ti è successo e ti darò dei Consigli d’Oro per far passare via il dolore!

Sei pronto? Iniziamo con due righe di Anatomia.

  • Anatomia

La maggior parte di questi “blocchi” coinvolge la parte bassa della Schiena , Lombo-Sacrale, raramente la Dorsale e la Cervicale. La Colonna Lombare presenta 5 Vertebre (da L1 a L5) ed i corrispettivi Dischi Intervertebrali. Esse sono articolate tra di loro tramite delle piccole Articolazioni, e sono proprio queste quelle che si possono andare a “bloccare”(non è un termine tecnico ma rende il concetto)!

  • Come e Quando?

Se sollevi qualcosa di troppo pesante, troppo velocemente o fai movimenti a cui non sei abituato può succedere che le Articolazioni tra le Vertebre si “blocchino”.

Questa situazione non prefigura una patologia, per cui NON è grave, ma può creare diversi problemi: Dolore, Perdita di Forza, Atteggiamenti Antalgici (Si rimane piegati in avanti o inclinati) -> Questo perchè alcuni muscoli si sono contratti fortemente e mantengono il tuo corpo nella posizione di minor dolore (ti stanno proteggendo, a modo loro!), e non provare a raddrizzarti! Questo ti provocherà solo dolore acuto e trafittivo.

Sei anche tu in questa situazione? Continua a leggere e ti svelerò qualche Pratico Consiglio per rimetterti in forma!

  • Consigli Pratici

Se il tuo dolore e blocco è troppo forte il mio Primo consiglio è di chiamare il tuo Medico di Famiglia che probabilmente ti prescriverà una Terapia Farmacologica Antinfiammatoria e Miorilassante.

Se il tuo problema non è così grave procedi con questi 3 Consigli:

1) NON RIPOSARE! Hai capito bene, in questi casi non bisogna stare nè a letto nè sul divano. Ormai tutte le linee guida scientifiche sono d’accordo nel non tenere ferma e protetta la zona che fa male, bensì è consigliato camminare e cercare di fare le attività di vita quotidiana (NO sforzi).

2) Fai questi semplici esercizi di Mobilità Articolare Lombare, 3 volte al gg per 10 minuti 

3) Dopo gli Esercizi di mobilità concludi con questi semplici Esercizi di Stretching Lombare

  • Fammi sapere se i miei semplici Consigli ti sono stati d’aiuto lasciando un commento qui sotto!

Il tuo problema non va via neanche seguendo questi consigli? Allora è sicuramente il caso di farti vedere da uno Specialista.

Lo Studio FisioClub è un centro specializzato nel trattamento di questi disturbi, Prenota ORA una visita, già al telefono avrai tutte le informazioni necessarie per scegliere il PERCORSO di cura  più giusto per te!

Lo Studio FisioClub è raggiungibile al 3888965649, si trova a Ragusa (RG) in Via Ettore Fieramosca 78